PRESENZA-NUOVA-COPERTINA-659x470.jpg

Campagna Tesseramento 2021/2022

Novità in ambito Emergenza sanitaria Covid-19
Come da Comunicato n. 23 del 28 aprile 2022

 

Entreranno in vigore il prossimo 1° maggio le nuove regole per il contrasto alla pandemia da Coronavirus il Ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza che rivede, in calo, le restrizioni. L’Atto sarà dunque valido dal 1° maggio 2022 fino al 15 giugno e, più nel dettaglio, si legge che sarà in vigore “fino alla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto-legge 24 marzo 2022, e comunque non oltre il 15 giugno 2022”.


STADI E PALAZZETTI – Negli stadi (all’aperto) si potranno togliere definitivamente le mascherine mentre permane l’obbligo della mascherina FFP2, fino al 15 giugno al chiuso.

Decade, però, l’obbligo di mostrare la certificazione verde per l’ingresso sia per gli stadi che per i palazzetti che ospitano manifestazioni.

ATTIVITA’ SPORTIVA – Ordinanza firmata dal Ministro Speranza: “Non hanno l’obbligo di indossare il dispositivo di protezione delle vie respiratorie […] i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva”.

Per quanto riguarda palestre e piscine, l’obbligo di mascherina terminava con l’ultimo decreto che era stato emanato il 1° aprile con scadenza proprio il 30 dello stesso mese. Data che porrà fine anche alla richiesta della certificazione verde per l’accesso.

TEATRI E CINEMA – Per teatri e cinema continua a restare “l’obbligo di mascherine FFP2 per gli spettacoli aperti al pubblico che si svolgono al chiuso in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo”.

Si raccomanda comunque l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie in tutti i luoghi al chiuso pubblici o aperti al pubblico a rischio assembramenti.

Fino al 15 giugno rimane l'obbligo di mascherina per:

- Mezzi di trasporto (FFp2)

- Scuola

- Cinema, Teatri, Palazzetti dello sport al chiuso (FFp2)

GREEN PASS – Si potrà accedere liberamente a:
-bar e ristoranti al chiuso e all'aperto, 
-mezzi di trasporto in ambito nazionale,
-palestre e piscine al chiuso e all'aperto,
-feste e cerimonie, 
-convegni e congressi, 
-discoteche e sale da gioco, cinema, teatri, concerti.

Il green pass base continuerà ad essere chiesto per i viaggi all’estero.

Il Green pass rafforzato (quello da ciclo completo vaccinale o guarigione) servirà, invece, solo per le visite in ospedali e Rsa fino al 31 dicembre 2022.

La raccolta fondi nella Riforma del Terzo Settore

La raccolta fondi è il complesso delle attività ed iniziative poste in essere da un Ente del Terzo settore al fine di finanziare le proprie attività di interesse generale, anche attraverso la richiesta a terzi di lasciti, donazioni e contributi di natura non corrispettiva. 

La raccolta fondi è definita per la prima volta a livello giuridico nell’art. 7 del Codice del Terzo Settore come il complesso delle attività ed iniziative realizzate da un Ente del Terzo settore, anche in forma organizzata e continuativa, al fine di finanziare le proprie attività di interesse generale.

Il finanziamento delle attività di interesse generale può avvenire attraverso diverse modalità come a titolo esemplificativo la richiesta a terzi di lasciti, donazioni e contributi di natura non corrispettiva.

La raccolta pubblica di fondi, è una speciale categoria di raccolta fondi che si caratterizza per l’occasionalità.  Viene quindi definita raccolta pubblica di fondi la raccolta effettuata in occasione di celebrazioni, campagne di sensibilizzazione e ricorrenze realizzate anche offrendo al sovventore beni di modico valore e servizi.

Come si rendiconta la raccolta fondi

La raccolta fondi deve essere rendicontata secondo le disposizioni generali di bilancio.

Nel caso specifico delle raccolte pubbliche di fondi, gli Enti del Terzo settore non commerciali devono inserire all’interno del rendiconto o del bilancio un rendiconto specifico nel quale devono risultare, anche a mezzo di una relazione illustrativa, in modo chiaro e trasparente, le entrate e le spese relative a ciascuna delle celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione.

Riferimenti di legge

277726152_932587070747941_7079985864503238761_n (1).jpg

Gli schemi di bilancio per gli ETS

Con il Decreto del ministero del Lavoro e delle Politiche sociali del 5 marzo 2020 sono stati adottati i modelli di bilancio per gli Enti del Terzo Settore che non esercitano la propria attività esclusivamente o principalmente in forma di impresa commerciale, come previsto dall’articolo 13 del Codice del Terzo Settore

I modelli saranno obbligatori per rendicontare il bilancio del 2021.

Sono stati adottati, ai fini della redazione del bilancio di esercizio da parte degli ETS, i modelli di stato patrimoniale (Mod. A), rendiconto gestionale (Mod. B) e relazione di missione (Mod. C),di cui al citato  articolo 13, comma 1, del Codice Terzo Settore, nonché il modello di rendiconto per cassa (Mod. D), di cui all’articolo 13, comma 2 sempre del CTS.

MOD. A
STATO PATRIMONIALE
Lo stato patrimoniale deve essere redatto in conformità al seguente schema.

MOD. B
RENDICONTO GESTIONALE
Il rendiconto gestionale deve essere redatto in conformità al seguente schema

MOD. C
RELAZIONE DI MISSIONE

MOD. D
RENDICONTO PER CASSA

Per facilitare la redazione degli schemi, il Decreto contiene anche un Glossario sulle poste del bilancio.

Il Comitato Provinciale AiCS Foggia, ha sottoscritto un accordo con il prestigioso Tour Operator Encanto Travel, per offrire a tutti i suoi soci le migliori proposte turistiche, con l’impegno di privilegiare il territorio italiano, visto il periodo epidemico che stiamo attraversando.

Sulla fanpage Turismo sociale Aics Foggia saranno pubblicate e promosse tutte le iniziative riservate ai soci AiCS Foggia.