PRESENZA-NUOVA-COPERTINA-659x470.jpg

Campagna Tesseramento 2021/2022

AiCS più vicino ai soci

Per chi si affilia e/o rinnova a settembre 2021, la validità sarà di 16 mesi, fino alla fine del 2022. 

Dal prossimo anno associativo, infatti, la tessera sarà annuale e avrà quindi copertura 365 giorni dalla data di emissione – a patto che il circolo di appartenenza si riaffili ad AiCS: unica deroga, per i soci che si affiliano direttamente ai comitati AiCS o alla direzione nazionale senza passare da un circolo.

Le affiliazioni e i rinnovi che decorreranno dal 1° settembre 2021 avranno però validità 16 mesi, fino a dicembre 2022 – e senza alcun costo aggiuntivo: AiCS dunque “regala” ai suoi circoli affiliati 4 mesi di copertura e la garanzia per i propri associati che la tessera non scada con la chiusura dell’anno solare, ma che abbia durata effettiva di 365 giorni.  Da inizio 2022, poi, le affiliazioni partiranno sempre dal mese di gennaio (e non più a settembre con il “vecchio” anno associativo) e varranno da lì in avanti un anno intero senza la pausa estiva.

Ma non basta: AiCS farà sui tesseramenti anche grande opera di semplificazione. Le tessere passeranno quindi da 10 a 4 (base adulti e giovani, ludico motoria, ricreativa culturale, motociclismo adulti e giovani + l’eventuale tessera temporanea): meno frammentazione, e un’offerta complessiva più efficace.

Contributi per ASD e SSD – deliberati i nuovi fondi

Nel documento, datato 20 settembre e registrato il 6 ottobre, si dispone che le risorse, pari a 90 milioni di euro, siano finalizzate all’erogazione automatica di una prima parte della cosiddetta seconda tranche del contributo relativo all’anno 2021 ne confronti delle oltre 35.000 ASD/SSD già beneficiarie dei precedenti bandi del 2020 emanati dal Dipartimento per lo sport.

Questa componente di bonus viene così dimensionata:

  • le ASD/SSD ammesse al contributo ”canoni di locazione” riceveranno un importo pari a 1,5 mensilità di canone locativo sulla base del valore annuale fornito nella domanda compilata per l’anno 2020. In ogni caso il contributo sarà compreso tra un minimo di € 2.200,00 ed un massimo pari a € 30.000,00.

  • le ASD/SSD ammesse al contributo “forfettario”, ovvero quelle senza canoni di locazione, riceveranno un contributo forfettario pari a € 2.200,00.

Le procedure amministrative necessarie all’avvio degli accrediti di pagamento sono già in corso ed entro il mese di ottobre dovrebbero avvenire tutti i pagamenti. Le ASD/SSD non dovranno fare nulla, l’accredito sarà automatico. Contestualmente, sarà pubblicato sul sito del Dipartimento per lo sport l’elenco delle ASD/SSD beneficiarie con gli importi assegnati per ognuna di essere.

Informazioni aggiuntive rispetto alla seconda parte di questo bonus nonché alla possibilità di richiedere nuovi bonus per le ASD/SSD che non ne hanno mai richiesto saranno tutte sul sito istituzionale www.sport.governo.it.

L’erogazione nei confronti dei collaboratori sportivi prevista nel Sostegni bis è già avvenuta e più nulla è stato stanziato. Le casistiche INPS, invece, non sono ancora sbloccate anche se le operazioni sono in corso.

Decreto Attuativo lo trovi qui.

 Dipartimento Sport chiarisce anche: nessun obbligo per studenti su accesso a palestre e piscine in orario curriculare

Il Dipartimento allo Sport della Presidenza del Consiglio dei ministri ha aggiornato le FAQ e precisato che palestre e piscine possono essere utilizzate dalle scuole in orario curriculare senza richiesta di green pass per gli studenti, e che tutti i lavoratori in ambito sportivo (compresi i volontari) debbano avere la certificazione verde.  

“Le palestre e le piscine esterne agli istituti scolastici possono essere utilizzate dagli studenti in orario curriculare, nelle zone ove sia generalmente consentito l’accesso a dette strutture – si legge nella FAQ numero 7 bis -. Nei casi in cui sia stipulato un regolare contratto tra istituto scolastico e piscina/palestra, quest’ultima può essere considerata come estensione dei locali scolastici e l’attività svolta al suo interno facente parte delle normali ore curriculari. Pertanto, l’accesso agli studenti sarà consentito alle stesse condizioni previste dalla normativa per l’accesso al plesso scolastico, ovvero senza Certificazione verde COVID-19. Tuttavia, durante l’orario di accesso degli studenti in orario curriculare è opportuno che sia garantito l’uso esclusivo della palestra/piscina da parte della scuola, limitando gli ingressi agli utenti esterni: questi ultimi potranno accedere all’uscita degli studenti e subordinatamente all’assicurazione di adeguata pulizia e sanificazione”.

Sull’obbligo di green pass per i lavoratori dello sport, il Dipartimento Sport specifica anche che: “In riferimento alla necessità di possesso della certificazione verde da parte di operatori come istruttori, tecnici, amministrativi, collaboratori sportivi, receptionist, etc. che operano all’interno di strutture sportive, palestre, piscine, ecc., si rappresenta che la normativa vigente all’articolo 9-septies del DL 22 aprile 2021, n.52 (convertito dalla L. 18 giugno 2021, n.87) introdotto dall’art. 3 del decreto-legge 21 settembre 2021, n. 127 prevede che, a partire dal 15 ottobre e fino al 31 dicembre 2021, per chiunque svolga una attività lavorativa, anche nel settore privato, è fatto obbligo, ai fini dell’accesso ai luoghi in cui la predetta attività è svolta, di possedere e di esibire, su richiesta, la certificazione verde COVID-19. La disposizione si applica anche a tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa o di formazione o di volontariato, anche sulla base di contratti esterni. La disposizione non si applica, invece, ai soggetti esenti  dalla  campagna  vaccinale  sulla  base  di  idonea certificazione medica  rilasciata  secondo  i  criteri  definiti  con circolare del Ministero della salute. I datori di lavoro sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni”.

5XMILLE 2021: OBBLIGATORIO L’USO DEI NUOVI SCHEMI DI RENDICONTO

A partire dal contributo del 5×1000 relativo all’anno finanziario 2020 gli Enti che percepiscono tali somme da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (MLPS) dovranno applicare gli schemi pubblicati con il D.D. 488/2021.

L’obbligo di applicare degli schemi e delle “regole” standardizzate per l’adempimento in oggetto assolve al duplice scopo di garantire al MLPS una maggiore efficacia nei controlli circa l’utilizzo e la corretta evidenziazione delle somme ricevute, nonché permettere alla collettività una più facile lettura degli elementi contabili e informativi contenuti nel rendiconto e nella relazione illustrativa.

Per i contributi in oggetto sono stati infatti emanati i nuovi modelli di rendiconto da utilizzare sia in via ordinaria che in caso di accantonamento del contributo, unitamente alle linee guida per la loro compilazione e per la predisposizione della relativa relazione accompagnatoria.

Gli schemi disponibili sul sito del MLPS dovranno essere compilati esclusivamente in modalità digitale.

Tali enti, qualora beneficiari del 5×1000 erogato dal MLPS e indipendentemente dell’importo percepito, hanno l’obbligo di redigere il rendiconto e la relativa relazione illustrativa entro 12 mesi dalla data di percezione del contributo (conservando la documentazione presso la propria sede per 10 anni dalla data di redazione, congiuntamente ai giustificativi delle spese ivi indicate).

Il rendiconto ordinario è strutturato in due parti di cui una contenente i dati anagrafici dell’ente, seguita dalla sezione dedicata alla modalità di impiego del contributo (risorse umane, spese di funzionamento, spese per acquisto beni e servizi, spese per attività di interesse generale ed eventuali accantonamenti), mentre la relazione illustrativa deve essere redatta in forma discorsiva con una breve presentazione dell’ente e delle attività di interesse generale svolte ed una successiva parte dedicata alla descrizione delle attività realizzate mediante l’impiego del contributo in oggetto.

In caso di contributi percepiti di importo pari o superiore ad euro 20.000,00 gli enti beneficiari dovranno trasmettere, con invii distinti al MLPS per ciascuna annualità ed esclusivamente via Pec (rendicontazione5xmille@pec.lavoro.gov.it), il rendiconto e la relazione illustrativa congiuntamente alla copia del documento di identità del legale rappresentante entro 30 giorni dalla data ultima prevista per la redazione.

Concludendo, si ricorda che non potranno essere finanziate con il 5×1000 le spese di pubblicità sostenute per realizzare campagne e attività di sensibilizzazione sulla destinazione della quota dello stesso, né quelle sostenute dopo la cessazione dell’attività istituzionale dell’ente (es. dopo la delibera di messa in liquidazione).

 

In edicola con Il Sole 24 ORE il focus sul Registro Unico del Terzo Settore.

Una miniguida su come funzionerà il registro, tempi e modi per l'iscrizione, cosa cambierà e quali scenari per le varie tipologie di enti.

La Riforma dello Sport tutte le regole per i dilettanti con Il Sole 24 ORE il Focus dedicato alla riforma dello sport. Un contributo di idee e riflessioni sui nuovi scenari per il mondo dello sport anche nei rapporti con il terzo settore.

Tanti i temi trattati a partire dalle principali novità contenute nei decreti; dal lavoro sportivo, al nuovo registro, dal vincolo sportivo alla figura dell'amatore.

Il Comitato Provinciale AiCS Foggia, ha sottoscritto un accordo con il prestigioso Tour Operator Encanto Travel, per offrire a tutti i suoi soci le migliori proposte turistiche, con l’impegno di privilegiare il territorio italiano, visto il periodo epidemico che stiamo attraversando.

Sulla fanpage Turismo sociale Aics Foggia saranno pubblicate e promosse tutte le iniziative riservate ai soci AiCS Foggia.